header

Parco delle Groane

Il Parco delle Groane è un territorio in gran parte argilloso, caratterizzato da estese brughiere tra le più meridionali d´Europa, che si evolvono da sud a nord verso il bosco di pini e betulle, fino ad espandersi in boschi alti di querce e carpini. Si tratta dell´ultima grande area verde rimasta a nord-ovest della città di Milano, che taglia verticalmente per un´estensione di 3400 ettari fitti insediamenti urbani e industriali.
Tra boschi e brughiere, zone aride e zone umide, pinete e oasi naturali sono inseriti al suo interno o nelle immediate vicinanze tipici borghi rurali, documenti di archeologia industriale, un´intensa attività agricola, ville signorili, addirittura un´ex polveriera militare: insomma una mescolanza di modernità, tradizione, natura, arte...
Le riserve naturali incluse rappresentano siti di interesse naturalistico molto importanti e due di esse sono state riconosciute dall´Unione Europea come ‘Siti di Importanza Comunitaria (SIC) in base alla Direttiva Habitat ai fini della conservazione della biodiversità: la Pineta di CESATE (181 ettari) e i Boschi delle Groane (726 ettari).
Il Consorzio dei 16 Comuni (Arese, Barlassina, Bollate, Bovisio Masciago, Ceriano Laghetto, Cesano Maderno, Cesate, Cogliate, Garbagnate Milanese, Lazzate, Lentate sul Seveso, Limbiate, Misinto, Senago, Seveso, Solaro) è stato istituito nel 1976 per tutelare un territorio in parte intatto, in parte altamente industrializzato, per acquistare gradualmente le aree situate nel perimetro del Parco, attrezzare parte di esse e metterle a disposizione dei cittadini. Sono numerosi i progetti realizzati nel corso degli anni, dalla riqualificazione e dal recupero ambientale alla sistemazione di sentieri, piste ciclabili, aree di sosta; dall´incentivazione di un´agricoltura compatibile all´organizzazione di corsi di formazione e di aggiornamento, e di visite di studio per il mondo scolastico.